Catena Umana per la pace e la fraternità da Perugia ad Assisi

Come sarà?
Sarà una lunga catena di costruttori di pace con le persone distanziate almeno due metri nel rispetto delle regole sanitarie.
Saremo distanziati ma uniti da un filo che ciascuno porterà e annoderà a quello degli altri.

            

Perché un filo?     

Il filo simboleggerà il nostro impegno a ricostruire il tessuto lacerato della società, a ricostruire una comunità nuova della cura e della fraternità. Ciascuno di noi è un filo. E ogni filo è importante. Per questo è necessaria la partecipazione di tutti. Se manca un filo, se un filo si rompe, ne soffrirà l’intero tessuto.
Il gesto che faremo di riannodare il nostro filo a quello degli altri significherà la nostra volontà di tessere nuovi rapporti umani basati non più sull’individualismo e la competizione selvaggia ma sulla cura reciproca e sulla cura della casa comune.

 

E’ stata una esperienza molto bella e coinvolgente.

Abbiamo conosciuto
e abbracciato virtualmente molti giovani.
E sia……. PACE!!